Prospetto principale San Lorenzo - Genova

La Chiesa Metropolitana di San Lorenzo è la Cattedrale di Genova e, da sempre costituisce il monumento più insigne della città, essendone stata sin dal XII secolo lo “speculum Ianue civitatis”. La collocazione nel tessuto urbanistico medievale è ben raffigurata da numerose rappresentazioni storiche, valgono per tutte quelle riportate nel Codice Coccarelli del XIV secolo. L’edifico è stato costruito e parzialmente ricostruito diverse volte, con stratificazioni diverse in funzione delle scelte che ogni volta venivano attuate. Il fronte attuale rappresenta l’ultima fase costruttiva del XIII secolo, che doveva essere l’inizio della ricostruzione generale dell’intera chiesa, come testimoniano le volte a crociera interrotte, subito dopo l’endonartece. Iniziando dal fronte di ponente si doveva ricostruire tutta la chiesa sino all’abside. Tale soluzione venne interrotta dalla manza di disponibilità economica. Sintesi mirabile della tradizione antelamica attiva in Genova da ormai oltre un secolo, con quella normanna araba e ispanica, la facciata principale della Cattedrale diventa un unicum nel panorama artistico internazionale, caratterizzata da forme gotiche, rari marmi policromi, in un tripudio di elementi architettonici strettamente avvinghiati dalle molteplici decorazioni scultoree di ogni tipo, dove l’eccellenza esecutiva diventa scuola. L’intera opera si conclude prima del 1230, intimamente legata alla costruzione dell’endonartece e del campanile, parte integrante di questo fronte, che nella sua verticalità sarà terminato solo nel 1522 il progetto di restauro è stato terminato nel 2021.

1/14